Per gestire al meglio la tua navigazione su questo sito, alcune informazioni verranno temporaneamente memorizzate in piccoli file di testo chiamati cookie. È molto importante che tu sia informato e accetti la politica sulla privacy e sui cookie di questo sito Web. Per ulteriori informazioni, leggi la nostra politica sulla privacy e sui cookie.

Articoli

AVANZAMENTI E BENEMERENZE: SCANDALOSI RITARDI DELL'AMMINISTRAZIONE

Gradi e Benemerenze sono due aspetti fondamentali del nostro ordinamento. Spesso sono una vera e propria carta di identità che definiscono il militare, ancor più dei suoi meri dati anagrafici. Per questo è indispensabile che essi siano sempre puntualmente “sincronizzati” con la vita lavorativa e la carriera di ciascuno. Il venir meno di queste condizioni quindi non consente di disporre di un proprio elemento distintivo che impedisce al mancato beneficiario di esserr definito e riconosciuto rispetto agli altri. 

Eppure è ciò che avviene da ormai troppi anni nei confronti del personale dell’Aeronautica Militare.
 
Tantissimi colleghi, infatti, devono attendere a lungo per promozioni o per la concessione di medaglie come quella Mauriziana e le Croci di anzianità di servizio.
L'accorciamento della permanenza nei gradi, sopraggiunta grazie al riordino delle carriere, non ha fatto altro che aumentare i ritardi e di conseguenza i disagi per quel personale che avrebbe dovuto essere promosso al grado superiore, talvolta anche da oltre un anno e mezzo, e che rimane in attesa. 
 
Non di rado questo stato di fatto crea un danno economico soprattutto a coloro che si recano in missione e continuano a percepire indennità commisurate al grado rivestito e non a quello maturato nonché situazioni paradossali, come avviene per coloro che, operando in Italia ed all’estero in ambito interforze, si trovano sovente ad essere impiegati alle dipendenze di colleghi di altre Forze Armate, di fatto inferiori nel grado, solo perché quest’ultimi hanno rivestito il grado superiore più celermente.
 
Se i ritardi negli avanzamenti sono gravi, non lo sono di meno quelli per coloro che hanno fatto domanda di concessione della Medaglia Mauriziana, per i quali si parla anche di oltre due anni di attesa, nonostante l’art. 1041 del D.P.R. 90/2010 (T.U.O.M.) preveda che la pratica debba essere perfezionata in 180 giorni. Oltre al danno la beffa, perché i malcapitati in questione che provano ad avere informazioni in merito alla loro pratica da parte della Direzione Generale per il Personale Militare, ente deputato alla emanazione dei relativi decreti concessori, non riescono ad avere nessun tipo di risposta in evidente violazione di quanto previsto dalla Legge 241/1990 in materia di procedimento amministrativo.
 
Che sia per la burocrazia eccessiva (basti pensare alla complessità delle procedure per la redazione delle note caratteristiche indispensabili a promozioni e benemerenze) o per carenze di organico negli uffici, sta di fatto che una volta di più a rimetterci è il personale che chiede unicamente il riconoscimento di ciò che gli spetta.
 
Come SIAM troviamo inconcepibile il reiterarsi di questi costanti ritardi arrivati oramai in una fase di imbarazzante cronicità che demoralizza e mortifica il personale militare. Ci chiediamo come mai l'amministrazione sia sempre solerte a decretare Colonnelli e Generali contrariamente a quando si tratta di tutto il resto del personale!
Ci aspettiamo, quindi, un netto cambio di passo nella trattazione e conclusione di queste pratiche, anche per evitare l'ulteriore beffa di colleghi che si ritrovino a ricevere i provvedimenti citati solo una volta collocati in congedo.
 
 

Iscriviti al SIAM clicca qui

Gli ultimi saranno gli ultimi

Che vi piaccia o no, in una società dove il superumano vince sempre, può capitare nella vita di ognuno di noi, di essere gli ultimi in tante cose; della classe, della fila, a sapere e perfino gli ultimi a capire, come in questo caso. In un contesto certamente più vasto, ma decisamente limitato perché dovrebbe mantenere le medesime dinamiche in ogni realtà che vi si associa, ad esempio e non a caso le FF.AA. in genere, riuscire a capire come si possa diventare i reietti, gli ultimi appunto, è l’ennesima prova di forza che caratterizza la carriera dei Sottufficiali dell’A.M. arruolati con la Legge 24 dicembre 1986 n. 958.

Differente trattamento, differenti tempistiche, distinzioni a limite del più antiquato ostracismo per di più discriminatorio rispetto agli altri colleghi di F.A e nella fattispecie dell’Esercito e della Marina, almeno in questa occasione, degni invece di tutte le dovute attenzioni.

Gli ultimi degli ultimi, ad una distanza quasi siderale dagli altri, tanto che a qualcuno di costoro, in preda al più totale sbigottimento è sorto spontaneo il dubbio che queste differenze potrebbero rappresentare un valore; l’unicità perfettamente in sintonia con chissà quale celato significato di inaccessibile profondità. Talmente ultimi ad arrivare (prima o poi e per grazia ricevuta), da sembrare i primi perché non c’è più nessuno in gara già da molto, molto tempo! Ci dispiace, non siamo così romantici, crediamo invece che questa condizione di assoluta confusione e disparità, sia l’ovvio risultato della più totale disattenzione e disorganizzazione. Da una parte di chi avrebbe dovuto rispettare le tempistiche di stesura della documentazione caratteristica ed invio dei libretti, come accade del resto ad ogni altro avanzamento conosciuto, dall’altra di chi avrebbe invece dovuto supervisionare e concludere il lavoro dell’iter nei tempi opportuni, fin troppo conosciuti e/o stimati.

I Marescialli di 3^ classe dell’Aeronautica Militare arruolati con la legge 958, che in questi giorni avrebbero dovuto ricevere l’avanzamento al grado successivo (con decorrenza gennaio 2020), in egual misura ai loro equiparati della Marina e dell’Esercito, sono a tutt’oggi in attesa di notizie concrete delle loro miserabili sorti.

Ci auguriamo che al più presto questa assoluta condizione di insofferenza da parte del personale coinvolto, si dissolva come una bolla di sapone, ma le domande e i dubbi che prepotentemente si sollevano da quest’ultima esperienza, nondimeno dovrebbero concedere all’amministrazione che tutto vede e che tutto sa, quali provvedimenti adottare affinché tutto ciò non possa più ripetersi in futuro.

A tutti i nostri colleghi M3 che in silenzio attendono una risposta, esprimiamo il nostro migliore e sincero augurio per un tempestivo avanzamento oltremodo meritato, rimandando a tempi migliori e forse più maturi, il concetto di fratellanza e di spirito di corpo dove gli “ultimi” dovrebbero essere tutelati come tutti gli altri. Ad maiora.

Di questo increscioso accadimento metteremo a conoscenza il Sindacato Aeronautica Militare (SIAM) affinché possa valutare azioni di tutela nei confronti dei propri iscritti.

 

Lo Staff

 

 

RICORSO PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I MILITARI: IN SCADENZA I TERMINI DI PRESENTAZIONE

Prosegue la raccolta di adesioni al ricorso sulla Previdenza Complementare promosso dal SIAM, il Sindacato dell'Aeronautica Militare.

Ricordiamo che tale iniziativa è promossa nella convinzione di fornire un supporto reale ai nostri iscritti e nel loro esclusivo interesse.
 
Una proposta seria, onesta e trasparente. Senza inseguire le corse al ribasso dei prezzi proposte da altri, che però presenteranno il trucco a fine giudizio ai malcapitati sottoscrittori.
 
Inoltre a maggior garanzia dei ricorrenti, il SIAM mette a disposizione un referente unico che sia da interfaccia con lo studio legale che patrocinerà l’azione legale, in modo da garantire sempre e comunque la migliore assistenza a tutti i partecipanti nel corso di tutto l’iter procedurale, garantendo in questo modo informazioni puntuali e chiare circa lo status della propria causa.
 
C’è tempo fino al 31 marzo per aderire al costo 80 euro, una quota omnicomprensiva riservata esclusivamente agli iscritti, per la quale nulla sarà dovuto in futuro a prescindere dall’esito della vertenza. 
 
Basta scrivere al seguente indirizzo per chiedere informazioni e/o aderire al ricorso:
 
 
Il SIAM SEMPRE AL FIANCO DEL PERSONALE!

Iscriviti al SIAM clicca qui

 

 

 

 

CGIL, CISL E UIL SOSTENGONO PROTESTA SINDACATO MILITARI DEL 7 OTTOBRE

SINDACATI: CGIL, CISL E UIL SOSTENGONO PROTESTA SINDACATO MILITARI DEL 7 OTTOBRE =
Roma, 2 ott. (Adnkronos) - ''Condividiamo e sosteniamo la protesta dei sindacati dei militari. La proposta di legge Corda rappresenta un vero e proprio passo indietro, anche rispetto alla sentenza 120/2018 della Corte Costituzionale che ha sancito la libertà di associazione sindacale di questa categoria. Sentenza di fatto ignorata dalle varie Amministrazioni, prima tra tutte il Ministero della Difesa, che ha riconosciuto le sigle già costituite ma le esclude dalle convocazioni continuando a relazionarsi con i vecchi Cocer''. Così Cgil, Cisl e Uil nazionali in merito alla mobilitazione del prossimo 7 ottobre dei sindacati dei militari, che manifesteranno davanti a Montecitorio.
''Il testo di legge, infatti, rende di fatto inesistente l'esercizio dell'attività sindacale - spiegano - in quanto le materie affidate alla contrattazione fra le Amministrazioni e i sindacati militari escludono gli aspetti ordinari della vita lavorativa in tempo di pace.
Inoltre, indica che di fronte a qualsiasi contenzioso sindacale si debba ricorrere al Tar e non, come è normale che sia, al giudice del lavoro''.(segue)
(Tes/Adnkronos)

 

 

 

SINDACATO: CGIL, CISL E UIL SOSTENGONO SINDACATO PROTESTA MILITARI DEL 7 OTTOBRE(2) =
(Adnkronos) - Per i sindacati ''i motivi di tanta resistenza al cambiamento sono soprattutto di natura culturale, dato che abbiamo categorie delle forze dell'ordine sindacalizzate come la Polizia di Stato e la Polizia Penitenziaria, modelli da prendere a riferimento per una moderna ed efficace legge di riforma''.
''È come se la sentenza della Corte, invece di innescare nella politica il desiderio di recuperare il tempo perduto e farsi perdonare la lunga negazione di un diritto costituzionale - concludono Cgil, Cisl e Uil - avesse rimesso in moto la tenace ostilità al rinnovamento del mondo militare. Fanno dunque bene i sindacati militari a protestare, e noi li sosterremo''.
(Tes/Adnkronos)

 

Sottocategorie

Elezioni
Conteggio articoli:
6
Leggi e documenti
Conteggio articoli:
4
I caduti
Conteggio articoli:
11
Curiosita storia
Conteggio articoli:
12
Approfondimenti
Conteggio articoli:
754
News e extra
Conteggio articoli:
4
Contenzioso
Conteggio articoli:
4

Chi è online

Abbiamo 189 visitatori e nessun utente online

Da facebook

Recenti dal Forum

PROMOZIONE AL GRADO DI SERG. MAGG. CAPO DELL'A.M.

PROMOZIONE AL GRADO DI SERG. MAGG. CAPO DELL'A.M.

E' stato finalmente pubblicato il decreto di promozione al grado superiore dei sergenti maggiori dell'A.M. compresi nella 3^ aliquota di avanzamento riferita al 31 dicembre 2012.

Una probl…

Leggi tutto...: PROMOZIONE AL GRADO DI SERG. MAGG. CAPO DELL'A.M.


Discuti questo articolo nel forum (6 risposte).

Avatar di scuro
scuro ha risposto alla discussione #7515 6 Anni 8 Mesi fa
infatti sul sito di persomil del decreto non c'è più traccia.
Avatar di Alfio Messina
Alfio Messina ha risposto alla discussione #7514 6 Anni 8 Mesi fa
sembra che Persomil abbia fatto un errore e abbia annullato il decreto... stiamo verificando...
Avatar di scuro
scuro ha risposto alla discussione #7511 6 Anni 8 Mesi fa

Alfio Messina ha scritto: No, si tratta della 3^ aliquota del 1° e 2° corso AM


grazie alfio,per quanto riguarda il 3° invece quando si saprà qualcosa ?

SBLOCCO SALARIALE: MISSIONE COMPIUTA

SBLOCCO SALARIALE: MISSIONE COMPIUTA

 

Il Cocer Aeronautica, all’indomani degli avvenuti e solerti accrediti delle competenze nel mese di gennaio c.a., verifica con soddisfazione che l’azione intrapresa congiuntamente da Cocer…

Leggi tutto...: SBLOCCO SALARIALE: MISSIONE COMPIUTA


Discuti questo articolo nel forum (2 risposte).

Avatar di VECCHIATO
VECCHIATO ha risposto alla discussione #7501 6 Anni 8 Mesi fa
grandissimi ragazzi!!!!!
Avatar di golia
golia ha risposto alla discussione #7500 6 Anni 8 Mesi fa
come si dice nei nostri ambienti lavorativi un BRAVO ZULU per il lavoro svolto.

CASO MARÒ: CONVOCATO COCER INTERFORZE

Delegato Alfio Messina, preoccupano notizie dall'India su mancato permesso a Girone

Roma, 3 gen. (AdnKronos) - «Il Cocer Interforze si riunirà il prossimo 7 gennaio 2015 per discutere e intraprender…

Leggi tutto...: CASO MARÒ: CONVOCATO COCER INTERFORZE

Persomil certifica lo sblocco stipendiale ottenuto dal Cocer

Persomil certifica lo sblocco stipendiale ottenuto dal Cocer

Pubblichiamo la circolare emessa da Persomil in tema di sblocco stipendiale.

Adesso, anche i più scettici, dovranno ricredersi ed accettare il risultato ottenuto lo scorso settembre/ottobre dal Coce…

Leggi tutto...: Persomil certifica lo sblocco stipendiale ottenuto dal Cocer


Discuti questo articolo nel forum (3 risposte).

Avatar di Alfio Messina
Alfio Messina ha risposto alla discussione #7498 6 Anni 8 Mesi fa
Claudino, cosa c'è da spiegare? Per caso hai in busta paga "classi e scatti"? Credo di no, almeno che tu non sia un ufficiale per i quali invece queste voci sono previste e sono state bloccate anche per il 2015
Avatar di claudino
claudino ha risposto alla discussione #7497 6 Anni 8 Mesi fa
In particolare questo trafiletto......- conferma che gli anni 2011, 2012, 2013, 2014 e 2015 non sono utili ai fini della maturazione degli scatti e delle classi stipendiali;.....grazie
Avatar di claudino
claudino ha risposto alla discussione #7496 6 Anni 8 Mesi fa
Ciao alfio...per favore mi puoi spiegare la email ricevuta oggi riguardante le modalita dello sblocco?

Re.S.I.A: qualificati 21 Sergenti “Informatici”

Si è concluso, presso il Reparto Sistemi Informativi Automatizzati (Re.S.I.A.), il 25° corso per l'acquisizione della specialità informatica per sottufficiali a cui hanno partecipato 21 se…

Leggi tutto...: Re.S.I.A: qualificati 21 Sergenti “Informatici”