Per gestire al meglio la tua navigazione su questo sito, alcune informazioni verranno temporaneamente memorizzate in piccoli file di testo chiamati cookie. È molto importante che tu sia informato e accetti la politica sulla privacy e sui cookie di questo sito Web. Per ulteriori informazioni, leggi la nostra politica sulla privacy e sui cookie.

Lo scorso 2 giugno, durante la celebrazione della Festa della Repubblica presso Viale dei Fori Imperiali a Roma, abbiamo colto l'occasione di salutare il nuovo Primo Ministro Giuseppe Conte e i Vice primi ministri On. Matteo Salvini e On. Luigi Di Maio.

Con tutti abbiamo ribadito la necessità di dare attuazione alla recente sentenza della Corte Costituzionale in tema di diritti sindacali anche per i militari.

Abbiamo più volte stigmatizzato quanto sia ormai anacronistico il sistema rappresentativo attuale che non prevede nessuna forma di tutela reale e non permette ai delegati eletti (con un sistema elettorale che di democratico non ha assolutamente nulla) di effettuare alcun tipo di contrattazione o negoziazione.
 
Abbiamo ricordato all'On. Luigi Di Maio che il suo movimento aveva già presentato un disegno di legge sulla riforma della rappresentanza in chiave sindacale nella precedente legislatura e che sarebbe auspicabile rinnovare questo impegno.
 
La sera del 2 giugno, durante una manifestazione pubblica, il neo Ministro della Difesa Sen. Elisabetta Trenta (a cui avevamo già indirizzato i nostri auguri di buon lavoro)  ha detto chiaramente che il Governo si concentrerà sulla tutela del personale militare e civile, sul benessere e sulla qualità del lavoro poichè oltre ai doveri, che sono importanti, ci sono i diritti sanciti da principi costituzionali che ha intenzione di seguire come un faro panche alla luce della recente sentenza della Corte Costituzionale in tema di tutela sindacale.
 
Antonsergio Belfiori e Alfio Messina
Delegati Cocer Aeronautica Militare